099.4591127 - 099.4646065
·
info@studioruccoassociato.it
·
Lun - Ven 09:30-13:30 | 15:00-19:00
Contattaci

Detassazione Premi di produttività 2016

Allego alla presente una Circolare della Fondazione Studi sull’argomento.

In breve :

L’ art. 1 commi da 182 a 189 della legge n. 208/2015 introduce una disposizione strutturale nel nostro ordinamento con cui disciplina un regime agevolato di natura fiscale per le somme corrisposte a titolo di premio di risultato di ammontare variabile e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa. In via generale la disposizione prevede che sono soggetti a una imposta sostitutiva pari al 10 per cento, in luogo dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali, ed entro il limite di importo complessivo di 2.000 euro lordi annui, i premi di risultato di ammontare variabile la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttivit√†, redditivit√†, qualit√†, efficienza ed innovazione, misurabili e verificabili.

Lavoratori beneficiari: le nuove misure fiscali agevolate sono riservate ai lavoratori dipendenti del settore privato, titolari di contratto di lavoro subordinato, indipendentemente se a tempo determinato o indeterminato, i quali abbiano percepito nell’anno precedente a quello di riferimento, redditi di lavoro dipendente di ammontare non superiore a 50.000 euro lordi.¬† Poich√© la disposizione fa espresso riferimento ai “titolari di reddito di lavoro dipendente”, l’agevolazione √® esclusa per i titolari di redditi di lavoro assimilato a quello di lavoro dipendente come, ad esempio, i collaboratori coordinati e continuativi.

Premio di risultato: il comma 182 individua, quali somme agevolate, i premi di risultato di ammontare variabile la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttivit√†, redditivit√†, qualit√†, efficienza ed innovazione, misurabili e verificabili sulla base di criteri definiti con apposito decreto interministeriale. Essi possono consistere nell’aumento della produzione o di risparmi dei fattori produttivi ovvero nel miglioramento della qualit√† dei prodotti e dei processi, anche attraverso la riorganizzazione dell’orario di lavoro non straordinario o il ricorso al lavoro agile quale modalit√† di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato, rispetto ad un periodo congruo definito dall’accordo, il cui raggiungimento sia verificabile in modo obiettivo attraverso il riscontro di indicatori numerici o di altro genere appositamente individuati. Infatti il beneficio spetta a condizione che il risultato programmato sia effettivamente raggiunto e il datore di lavoro deve darne prova attraverso il riscontro di indicatori numerici o di altro tipo purch√© oggettivamente misurabili. Infine il premio deve essere di “ammontare variabile”.¬† L’aggettivo “variabile” √® riferito all’ammontare del premio e, dunque, la norma sembra suggerire il criterio con cui deve essere costruito numericamente il risultato. In particolare, essa sembra imporre alle parti sociali la costruzione di un premio che sia graduale al risultato da ottenere. Pertanto, non sembrano essere ammessi all’agevolazione premi individuati in misura fissa legati ad un unico indicatore di risultato.

Contratto aziendale e/o territoriale: una condizione necessaria per l’operativit√† del beneficio fiscale √® che le somme in questione siano erogate “in esecuzione” di contratti collettivi territoriali o aziendali. L’azienda che non ha sottoscritto un contratto aziendale o non intenda sottoscriverlo, pu√≤ corrispondere premi di risultato con il prelievo fiscale agevolato, sempre che recepisca almeno i contenuti di un contratto collettivo territoriale anche se riferito ad una categoria diversa da quella di appartenenza.
Ai fini dell’applicazione dell’imposta sostitutiva √® previsto il deposito del contratto collettivo entro 30 giorni dalla sottoscrizione unitamente alla dichiarazione di conformit√† del contratto alle disposizioni legislative. Tale dichiarazione deve essere redatta sulla base del modello allegato al decreto interministeriale. Qualora, nel corso del 2016 fossero corrisposti premi di risultato sulla base di accordi stipulati in anni precedenti (esempio, nel 2015), l’agevolazione sarebbe ammessa a condizione che siano rispettati i requisiti previsti dal decreto interministeriale e previo deposito del contratto e della relativa dichiarazione di conformit√†, entro 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto interministeriale.

Torna su