099.4591127 - 099.4646065
·
info@studioruccoassociato.it
·
Lun - Ven 09:30-13:30 | 15:00-19:00
Contattaci

Licenziamento legittimo anche senza codice disciplinare

Come noto per procedere legittimamente all’irrogazione di sanzioni disciplinari, oltre al rispetto delle procedure previste dalla L. 300/70, √® richiesto che l’azienda abbia adottato un proprio codice disciplinare¬† e lo portato a conoscenza di tutti i lavoratori mediante affisione nei luoghi di lavoro.

Su quest’utlimo aspetto √® intervenuta la Cassazione con sentenza n. 4826 del 2017 che sancisce il seguente principio :
la pubblica affissione del codice disciplinare non √® necessaria per sanzionare condotte del lavoratore in violazione di norme di legge o norme di “minimo etico” ,¬† cio√® comunemente reputate condannabili dal senso comune. Il¬† licenziamento disciplinare¬† per giustificato motivo oggettivo in questo caso quindi √® legittimo. L’affissione √® da ritenersi necessaria¬† invece per elencare gli obblighi per i lavoratori che derivino da specifiche prassi operative aziendali o locali che potrebbero¬† non essere note ai lavoratori “.

In sostanza sono riattratte alla fattispecie oggetto della sentenza, i comportamenti che concretizzano violazione di norme penali o che contrastano con il cosiddetto “minimo etico”, mentre deve essere data adeguata pubblicit√† al codice disciplinare con riferimento a comportamenti che violano mere prassi operative, non integranti usi normativi o negoziali.

Torna su